SPAZIO R3

Architects: R3Architetti

Place: Turin

Year: 2015

Type: Direct Commission

Status: Built

000

R3architetti found their own “creating space” in the little atelier of 14m2, overlooking the street in San Salvario district, Turin, Italy.

Taking to account its limited size, we work in sections, where the workspace is articulated with scaffolding pipe structure. This solution not only gives support to tables and the mezzanine but redefines the space through a sequence of portals, maximizing the potential of the whole volume.

The first part of internal structure is dedicated to projects. Pinned to the curtain ropes drafts are illuminated by three light bulbs, which identify an exhibitional space. On the opposite side, there’s current projects area, held to large OSB panel, together with working tools and sketches.

Cantilevers the tables are supported with, allow to liberate underlying space. The individual working sections are emblemed with lamps.

The mezzanine is intended to be a space for constructing maquettes. It is accessible through the ladder, located in a wall niche. The meetings and the reception take place on a glass plate, just next to the ongoing projects.

SPAZIO R3

Progettisti: R3Architetti

Località: Torino

Anno: 2015

Tipologia: Incarico diretto

Stato: Costruito

000

R3architetti ha trovato il suo spazio da adibire alla progettazione in un piccolo locale commerciale di 14m2 affacciato su strada nel quartiere di San Salvario, Torino.

Considerate le dimensioni ridotte, si è lavorato soprattutto in sezione, articolando lo spazio di lavoro attorno ad una struttura in tubi innocenti che, oltre ad essere un supporto per tavoli e soppalco, enfatizza la volumetria dello spazio preesistente attraverso una serie di portali.

La prima porzione della struttura è dedicata ai progetti, appesi a una parete di corde illuminata da 3 lampade che definiscono uno spazio espositivo a tutta altezza. Sul lato opposto vengono appesi i materiali utili ai progetti in corso, disegni fotografie, strumenti di lavoro.

Le mensole su cui appoggiano i tavoli permettono di liberare lo spazio sottostante creando un’unica tavolata a sbalzo adibita alla progettazione. I singoli spazi di lavoro sono identificati dalla presenza di lampade.

Al mezzanino, adibito alla realizzazione di maquette, si accede attraverso una scala a pioli da ponteggio ricavata in una nicchia del muro. Le riunioni e il ricevimento avvengono su di una lastra di vetro in prossimità dei progetti in corso.