R3 BARETTI

Architects: R3Architetti

Place: Turin

Year: 2019

Type: Direct Commission

Status: Built

Client: R3 Architetti

000

In 2018, R3architetti's design space was expanded by moving to a ground floor location in the San Salvario district, just a few meters from the Valentino park. 
The studio is composed by four rooms whose layout reflects the ancient distribution scheme of the 19th century building in which it is located. The entrances of the rooms are placed along the same axis, allowing the passage from one area to another without the use of corridors. 
Crossing the waiting room, follows a first room used for the design process. The high vaulted ceilings made it possible to articulate the space in height with the creation of a mezzanine, providing an additional workstation. The following room is the meeting room, shared with the last room, which is home to a partner construction company.

The common characteristic of all the spaces is the presence of a device consisting of a metal frame with multiple functions. 
It visually defines the workspace, supports the work surfaces, integrates indirect linear lighting of the vault and becomes a dividing element or structure for the loft in the design room. Power sockets and data transmission cables are integrated into the workstations and ceiling lamps provide direct light at each workstation. 
The attention to detail is also revealed in the choice of the materials used: the walls’ lower part is made of concrete panels created from formworks with a boiserie design, while the metal structures are partly covered with marble, granite and wood, giving each room its own identity.

R3 BARETTI

Progettisti: R3Architetti

Località: Torino

Anno: 2019

Tipo: Incarico diretto

Stato: Costruito

Cliente: R3architetti

000

Nel 2018 lo spazio di progettazione di R3architetti si è ampliato con il trasferimento in un locale al piano terra, nel quartiere di San Salvario, a pochi metri dal parco del Valentino. 
Lo studio è costituito da quattro ambienti la cui composizione riflette l’antico schema distributivo dello stabile ottocentesco in cui è situato. Le entrate delle stanze sono poste lungo lo stesso asse, consentendo il passaggio da un ambiente all’altro senza l’utilizzo di corridoi. Attraversando la sala d’aspetto segue una prima stanza adibita alla progettazione. Gli alti soffitti a volta hanno permesso di articolare lo spazio in altezza con la creazione di un mezzanino, ricavando un’ulteriore postazione di lavoro. L’ambiente successivo è la sala riunioni, in condivisione con l’ultima camera, sede di una impresa di costruzioni partner.

Tutti gli ambienti sono accomunati dalla presenza di un dispositivo costituito da un frame metallico dalle molteplici funzioni. Esso inquadra visivamente lo spazio di lavoro, sorregge i piani di lavoro, integra una illuminazione lineare indiretta della volta, diventa elemento divisorio o struttura per il soppalco nella sala della progettazione. Le prese di corrente e i cavi di trasmissione dati sono integrati alle postazioni di lavoro e l’ausilio di lampade a soffitto garantiscono luminosità diretta ad ogni postazione. 
La cura dei dettagli si rivela anche nella scelta dei materiali utilizzati: alle pareti si trovano pannelli di cemento creati a partire da casseri con disegno di boiserie, mentre le strutture metalliche sono in parte rivestite da marmo, granito e legno, dando una propria identità ad ogni stanza.